Concluso appalto per la messa in sicurezza della scuola di Cannigione

OLBIA. Sono terminati i lavori del secondo lotto per la messa in sicurezza della scuola primaria di Cannigione iniziati al termine dell’anno scolastico, a metà dello scorso giugno, e appaltati con fondi Isc@la per 255 mila euro (quadro economico complessivo 350 mila euro). L’avvio dell’anno scolastico slitterà dunque di una settimana, al 21 settembre, per consegnare una scuola più sicura, rinnovata e confortevole alla comunità. Nei prossimi giorni, infatti, saranno completati ulteriori interventi fuori programma, possibili grazie a risorse assegnate di recente dalla Regione Sardegna. Lunedì 20 settembre, inoltre, sono in agenda la pulizia e la disinfezione dell’intera struttura.

Lo scorso 25 agosto, infatti, la Regione ha autorizzato il Comune di Arzachena all’utilizzo di circa 50 mila euro di fondi Isc@la risparmiati in seguito all’aggiudicazione dell’appalto per la messa in sicurezza dell’edificio. Valutata l’opportunità concessa da Cagliari, l’ufficio Lavori Pubblici si è attivato immediatamente per aggiungere nuovi interventi che saranno completati entro la prossima settimana. “I lavori aggiudicati lo scorso giugno per circa 255 mila euro sono terminati come da programma. La ditta ha eseguito gli interventi per tutta l’estate, incluso il mese di agosto, per rispettare i termini - spiega Michele Occhioni, delegato alla Pubblica Istruzione -.  Il 25 agosto è arrivata l’autorizzazione da parte della Regione per l’utilizzo dei fondi residui derivanti dal ribasso di asta di 50 mila euro risparmiato in fase di aggiudicazione dell’appalto. Abbiamo ritenuto opportuno utilizzare i fondi urgentemente, malgrado i tempi ristretti: un’occasione da non perdere per proseguire nel rinnovo dell’edificio, non solo in termini di sicurezza degli impianti, ma anche di comfort per i bimbi, che avranno spazi comuni dotati di nuovi infissi con tapparella motorizzata per l’isolamento termico, nuove porte interne, nuove plafoniere a Led per il risparmio energetico, oltre a poter fruire di altre piccole dotazioni nei servizi. Ringrazio la Regione per questa opportunità, ma anche i genitori e il personale scolastico per la pazienza”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione