Golfo AranciGolfo Aranci

L'Hermaea Olbia stacca il biglietto per i playoff

OLBIA. Nel modo più inaspettato possibile, l'Hermaea Olbia stacca il biglietto per i playoff del campionato di Serie A2 Femminile. L'impresa riesce per la seconda volta negli 8 anni di militanza nel torneo cadetto. Grazie alla vittoria (prima in campionato) ottenuta ieri pomeriggio da Altino su Ravenna, le aquile tavolarine si qualificano matematicamente per la post season, a prescindere dal punteggio dell'ultimo recupero in programma mercoledì tra Marsala e San Giovanni in Marignano.

“Abbiamo raggiunto il nostro obiettivo – commenta il presidente dell'Hermaea Gianni Sarti – la squadra, la società e lo staff tecnico meritavano questo traguardo e sono riusciti a ottenerlo. Non potremmo essere più felici”.
Altino non poteva scegliere occasione migliore per brindare al suo primo successo in Serie A: “Volevano assolutamente cancellare lo zero in classifica – sottolinea il numero uno biancoblù – ci stavano provando già da settimane. Oggi hanno giocato una splendida partita meritando la vittoria. Complimenti a loro”.
Alla fine il Covid è stato ‘democratico': “Ravenna ha pagato lo stop dovuto alle positività – spiega – esattamente come noi lo avevamo pagato a inizio anno perdendo per strada diversi punti. Alla fine la situazione si è riequilibrata un po' per tutti”.

Ora arriva un playoff da giocare sull'onda dell'entusiasmo e con la mente sgombra. L'avversaria sarà una tra Talmassons e Mondovì. Si inizia già la prossima settimana: “Ribadisco, l'Hermaea meritava tutto questo – aggiunge - abbiamo espresso una bella pallavolo facendo esordire tante giovani nella categoria. A gennaio siamo stati frenati dal Covid, altrimenti sono certo che la partecipazione ai playoff sarebbe arrivata con qualche giornata d'anticipo. Alla squadra chiedo di divertirsi, di giocare a cuor leggero e di dimostrare il suo valore senza paura davanti a squadre blasonate. Il nostro obiettivo è stato raggiunto, tutto ciò che arriverà d'ora in poi sarà tanto di guadagnato”.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Golfo Aranci