Niente da fare per l'Hermaea, sconfitta al Geopalace di Olbia

OLBIA. Una prestazione buona, ma a tratti poco concreta, condanna l'Hermaea Olbia, sconfitta al Geopalace dall'Omag-Mt San Giovanni in Marignano nel terzo turno della Pool Promozione di A2 Femminile. Tre set a zero (25-22; 25-20; 25-22) il punteggio finale in favore delle romagnole, che hanno però dovuto sudare per spegnere le resistenze delle olbiesi.

LA GARA – L'Hermaea, sempre priva dell'infortunata Schirò, parte con Bridi al palleggio, Messaggi opposto, Bulaich e Miilen in banda, Gannar e Tajè al centro con Barbagallo libero. L'Omag-Mt, terza forza della Pool Promozione, risponde con Turco in regia, Perovic opposta, Bolzonetti e Rachkovska in posto 4, Parini e Babatunde centrali e Caforio libero.
Dopo il punto a punto iniziale le romagnole beneficiano dell'ottimo turno in battuta di Parini e doppiano le galluresi sul 14-7 (attacco vincente di Perovic). L'Hermaea però si scuote e pian piano risale la china: Messaggi mette a terra il -3 facendo suonare il campanello d'allarme per il coach ospite Barbolini, costretto al timeout. La rincorsa delle biancoblù non si ferma e culmina col sorpasso sul 22-21 ottenuto in seguito all'errore dell'ex Babatunde. In soccorso dell'Omag, a questo punto, giunge Rachkovska, che si carica la squadra sulle spalle e le regala la palla set sul 24-22. Bolzonetti, con un block out, ne approfitta al primo tentativo e porta avanti le sue nel conto set.
Il secondo parziale segue un canovaccio tutto sommato simile: dopo le prime schermaglie l'Hermaea si stacca sull'11-5 (primo tempo di Babatunde), poi si ritrova e mette paura a San Giovanni in Marignano tornando a contatto fino al -1 messo a terra da Bulaich (19-18). Anche in questo caso, nel momento di massima pressione le ospiti riescono a capovolgere l'inerzia: gli ace di Rachovska e Saguatti spianano la strada all'Omag, che fa suo il secondo set sul 25-20 dopo l'attacco out di Miilen.
Decisa a non arrendersi facilmente, le hermeine partono decisamente meglio nel terzo game: il muro di Bulaich sull'attacco di Perovic vale il +6 (13-7), che non basta, però, a scalfire le certezze delle rivali, capaci di accorciare pian piano fino alla parità a 18 firmata dalla stessa opposta montenegrina. Teso il punto a punto finale, con le olbiesi che pagano due chiamate arbitrali molto dubbie (soprattutto un attacco out di Bulaich per il 23-21 Omag) e alzano bandiera bianca sul 25-22 firmato Bolzonetti.
Enrico Barbolini, tecnico dell'Omag-Mt San Giovanni in Marignano: “Sapevamo benissimo che non sarebbe stato semplice vincere qui – commenta - conosciamo Olbia e sappiamo quanto sappia giocare bene a pallavolo trovando tante soluzioni diverse. Siamo stati bravi a non perdere la pazienza per troppo tempo. Fare punti su questo campo non è semplice: faccio i complimenti a Olbia, ma anche alla mia squadra per essere riuscita a portare a casa l'intera posta in palio”.

Dino Guadalupi, allenatore dell'Hermaea Olbia: “Il buon atteggiamento mostrato dalla squadra non è stato sempre accompagnato dalle giuste scelte tecniche – spiega – San Giovanni ha abbassato il rischio in maniera lucida, mentre noi sul muro difesa abbiamo fatto fatica. Siamo partiti in difficoltà sul cambio palla: dovevamo essere un po' più lucidi nella scelta dei colpi e anche maggiormente ordinati nel resto dell'azione. Per un set e mezzo non lo abbiamo fatto, vivendo di recuperi su alcuni break in cui anche gli avversari sono andati in netta difficoltà. Di positivo c'è il fatto che la squadra ha saputo crescere nel corso della gara trovando ritmo. Il terzo set è stato tirato, ma nel finale forse ci è mancato un pizzico di coraggio”.

VOLLEY HERMAEA OLBIA – OMAG-MT SAN GIOVANNI IN M.NO 0-3 (22-25 20-25 22-25) – VOLLEY HERMAEA OLBIA: Taje' 9, Bridi 2, Bulaich Simian 13, Gannar 6, Messaggi 6, Miilen 9, Barbagallo (L), Fontemaggi, Bresciani. Non entrate: Padre (L), Schiro', Maccioni, Diagne. All. Guadalupi. OMAG-MT SAN GIOVANNI IN M.NO: Rachkovska 11, Babatunde 5, Turco 1, Bolzonetti 16, Parini 5, Perovic 15, Caforio (L), Salvatori 2, Saguatti 1. Non entrate: Cangini, Aluigi, Biagini (L), Covino. All. Barbolini. ARBITRI: Pescatore, Grassia. NOTE – Durata set: 29′, 26′, 29′; Tot: 84′. MVP: Caforio.
Tags: Olbia Hermaea
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione