Il sindaco di Arzachena a Roma per il G20 delle spiagge

OLBIA. Il sindaco Roberto Ragnedda oggi è a Roma per la firma del protocollo d’intesa tra i sindaci dei Comuni inseriti nel G20 delle spiagge italiane. Il documento è frutto del lavoro portato avanti lo scorso settembre a Bibione durante il primo summit delle 20 località balneari italiane che hanno registrato maggiori presenze turistiche nel 2017. Nella sala Caduti Nassirya di Palazzo Madama sono presenti, tra gli altri, il senatore Antonio De Poli, Questore del Senato della Repubblica; Francesco Palumbo di Toscana Promozione, i vertici nazionali del Sib - sindacato balneari; Pasqualino Codognotto, sindaco del Comune di San Michele al Tagliamento e organizzatore del primo summit; Giancarlo Farnetani, sindaco di Castiglione della Pescaia che ospiterà il prossimo G20. Al documento siglato oggi hanno lavorato 260 persone tra sindaci, assessori regionali, tecnici, studiosi, operatori del settore che si sono confrontati per 3 giorni a Bibione nei 16 tavoli tematici dedicati a problematiche e opportunità che accomunano le località costiere in cui è forte il fenomeno della stagionalità dei flussi turistici. Riflettori puntati sulle ordinanze sindacali emesse dal sindaco Roberto Ragnedda lo scorso 5 aprile che vietano l’utilizzo di plastica monouso lungo i litorali e il fumo in spiaggia al di fuori di appositi spazi segnalati.


“Vi chiedo di unire le forze per portare avanti azioni concrete a tutela delle spiagge e del mare sottoscrivendo i principi contenuti nel codice etico della Charta Smeralda promossa dalla Fondazione One Ocean e dallo Yacht Club Costa Smeralda, a cui noi abbiamo aderito 1 anno fa, ma anche di affiancare fin da subito Arzachena e gli altri Comuni che hanno già firmato ordinanze contro plastica e fumo in spiaggia” ha chiesto il primo cittadino di Arzachena ai colleghi. L’argomento è stato anche al centro dell’incontro ospitato ieri nell’aula consiliare di Arzachena dal sindaco, dall’assessore al Demanio Alessandro Careddu e dal delegato all’Ambiente Michele Occhioni in cui gli imprenditori e gli addetti del comparto balneare locale sono stati invitati a farsi promotori dei principi a salvaguardia dell’ambiente e del mare contenuti nei provvedimenti.  “La finalità è prima di tutto quella di educare i bagnanti a comportamenti responsabili. Serve la vostra collaborazione. Dobbiamo essere tutti complici del cambiamento -  ha detto Ragnedda durante l’incontro di ieri -. La situazione è grave, non c’è più tempo. Dal 1° giugno il Comune installerà apposite aree per fumatori nelle spiagge di sua competenza, altrettanto farà il Consorzio Costa Smeralda in quelle del comprensorio. Inoltre divulgheremo un vademecum per aiutare i titolari di chioschi a trovare soluzioni adeguate alla sostituzione dei prodotti in plastica con altri biodegradabili. Auspichiamo una reazione positiva e collaborativa da parte di residenti e turisti”.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS