Successo della Kan Judo Olbia ad Alghero, otto le medaglie d'oro

OLBIA. Domenica scorsa la Kan judo Olbia ha partecipato al "Trofeo Catalano Judo", organizzato dalla società Judo club Alghero, gara riservata alle classi preagonistiche riguardanti i settori giovanili dei maggiori club della Sardegna affiliati alla Fijlkam  (unica federazione olimpica) alla gara hanno partecipato circa 150 atleti, in rappresentanza di diversi club della Sardegna.

La manifestazione è ben  riuscita all’insegna del buon judo tecnico e ha coinvolto i  futuri campioni che emergeranno dai vivai judoistici giovanili sempre in grande espansione nelle arti marziali e in particolar modo nel judo. Il maestro Angelo Calvisi cintura nera 5° dan e il collaboratore tecnico Gavino Carta c.n 3°dan hanno preso parte  all'evento con il judo team  formato da una squadra di sedici baby judoka che si sono ben comportati in gara. Gli atleti olbiesi hanno difeso al meglio i colori sociali, e confermato ancora una volta il valore in queste manifestazioni determinanti per la loro crescita sportiva preagonistica, ludica e sociale.

Soddisfatti in casa Kan judo per questo ennesimo appuntamento del 2019  che continua bene e porta a casa un bottino di tutto rispetto: otto medaglie d'oro, tre d'argento e cinque di bronzo. Medaglia d'oro per Noemi Rosa, Diana Palitta, Nicolas Palitta, Riccardo Nappo, Francesco Spano, Veronica Derosas, Jacopo Merone e Amir Romdhani.

Medaglie d'argento: Lorenzo Azara, Giovanni Cambedda e Francesco Patricio.

Mededagli di bronzo:  Riccardo Careddu, Samuele Demuru, Roberta Satta          Diego Langiu, Dennis Canu.

 
Tutti bravi  in tutti gli incontri disputati con tanta tecnica e decisione e applauditissimi dal numeroso pubblico presente. Il prossimo week end  il “Judo team Angelo Calvisi - kan judo Olbia, sarà impegnato a La Maddalena con tutte le classi agonistice  e preagonistiche per il doppio impegno di sabato con il Torneo judo garibaldino e domenica con il Trofeo città di La Maddalena .

 
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA