Domani sera Marino De Rosas in concerto a Telti per la 25esima Sagra del Mirto

OLBIA. Dopo il consueto appuntameto mattutino  con il Laboratorio di Pittura curato dall'Associazione Noarte Paese Museo, alle ore 18,30  sarà la volta di una interessante escurione erboristico botanica in Località Li Ruini a cura dell'Associazione Ascunas onlus  di Telti
 La seconda serata musicale  della 25 ° edizione della Sagra del Mirto  vedrà come protagonista  assoluto alle ore 22,30  Marino De Rosas in Piazza Duomo con lo spettacolo "Suoni della Sardegna e del Meditrraneo , Marino De Rosas , la chitarra per raccontare"
 Uno spettacolo elegante, raffinato che ha come protagonista  la chitarra : "La mia musica è un racconto" dice Marino De Rosas, " Mi piace raccontare la mia terra attraverso i suoni di una chitarra, creando immagini ed atmosfere del presente e suggestioni del passato."
Eccellente chitarrista, autodidatta ha iniziato a suonare la chitarra elettrica all’età di 14 anni e, dai primi anni ’80, si è dedicato alla chitarra acustica componendo brani originali ispirati alla musica popolare dell’area mediterranea e sarda in particolare. Esegue i suoi brani con chitarra classica ad accordatura aperta in DO, usando tecniche di flamenco, classiche e fingerpicking, da solista o in gruppo. Dopo un primo lavoro discografico nel 1990, Kiterras, nel 1999 ha realizzato Meridies, prodotto dal cantante Andrea Parodi. Nel 2007 ha inciso un nuovo album, Femina e mare . Nel 2018,  è stato pubblicato il nuovo album discografico Intrinada. Il concerto, imperdibile, vedrà impegnati con Marino De Rosas,  Paolo Zuddas alle percussioni, Fabrizio Leoni al Contrabbasso, Barbara Magnoni  voce  .  
 Sempre alle ore 22,30 , ma in Piazza Rinascita, serata di liscio con la fisarmonica di Mirko Putzu .
La giornata vedrà anche le esibizioni del Coro Polifonico Boci d'Agliola di Telti, impegnato nell'esecuzione di brani tradizionali  all'interno del proprio punto di ristoro; l'esibizione di Salvatore Pattitoni, maestro di fisarmonica ultra ottantenne e di Sergio Balia uno fra i più importanti costuttori di strumenti musicali in canne palustri.
Fra le curiosità da scoprire : Calarighè,la libera scuola di erboristeria popolare sarda dedicata allo studio e alla riscoperta della più antica tradizione erboristica sarda.
 Ovviamente  prodotti a base di Mirto, pietanze tipiche del territorio, cocktail originali e artigianato, saranno il fulcro della  25 ° Sagra del Mirto.
La Sagra del Mirto ha il Patrocinio della Regione Sardegna Assessorato Turismo  e  del Comune di Telti. Il sostegno di Petramanna, la Neula e Galù, la preziosa collaborazione dell'associazione Ascunas e l'organizzazione è della ProLoco di Telti.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA