L'Olbia agguanta un timido 0-0 contro il Gozzano

OLBIA. In una giornata contrassegnata da una pioggia copiosa e incessante e da un campo di gioco presentatosi in versione trincea acquatica, l'Olbia conquista a Gozzano un punto importante che consente di muovere la classifica e di recuperare morale e fiducia.
Certo, per quelli che sono ormai gli standard contemporanei del gioco, oggi non si è vista certo una partita spettacolare. Né calcio e filosofie delle due squadre hanno potuto prodursi secondo quelli che erano stati i preparativi al confronto. Eppure, tra scivolate, inciampi e improvvise frenate del pallone, bianchi e rossoblù hanno dato vita a una gara che, sul piano dell'agonismo, si è fatta apprezzare, rimasta come è rimasta, tesa e in bilico, sino all'ultimo secondo.
Una partita tiratissima che l'Olbia ha avuto più e più volte l'opportunità di vincere. Dalla palla vagante transitata nei pressi di Ogunseye al 3', sino alla clamorosa, probabilmente la più ghiotta, capitata sui piedi di Vallocchia all'86': stop perfetto in area sul lancio lungi di Gozzi e tiro di destro che Crespi riesce a deviare in corner. In mezzo, al 36' la staffilata di Muroni intercettata d'un soffio, al 42' quel mancato impatto tra il piede di La Rosa e la sfera morbidamente catapultata in area da Pitzalis e al 52' la girata ravvicinata di Ogunseye uscita d'un niente alla sinistra del portiere.

Sì, l'Olbia ha tenuto botta e probabilmente dato più colpi di quanto non ne abbia incassati da un avversario che, nelle e dalle invenzioni di Fedato, ha saputo creare pericolosità dalle parti di Crosta. Il portiere milanese, schierato per la prima volta da titolare quest'anno, ha risposto presente tutte le volte che è stato chiamato in causa, è decisivo quando al 56' smorza prima il traversone di Fedato e, subito dopo, si oppone al tiro ravvicinato di Tommaselli deviando la palla oltre la linea di fondo. I bianchi, guidati oggi da mister Raineri in panchina per effetto della squalifica comminata a mister Filippi, tornano quindi in Sardegna con un punto in più in saccoccia e il primo reti inviolate dell'anno. L'Olbia si sta rimettendo in carreggiata, ma ora sotto con la battaglia di mercoledì con l'Albinoleffe. Guai ad accontentarsi, al Nespoli c'è l'occasione di rimettersi definitivamente in moto.  

TABELLINO
Gozzano-Olbia 0-0 | 10ª giornata
GOZZANO: Crespi, Ugge, Guitto, Emiliano, Rolle (58’ Bukva), Fedato, Palazzolo (71’ Secondo), Gemelli, Rizzo, Tommaselli, Zucchetti. A disp.: Fiory, Tumminelli, Tordini, Silvestroni, Bruzzanitti, Vono, Di Giovanni, Spina, Fasolo, Barnofsky. All.: David Sassarini
OLBIA: Crosta, Pisano, Gozzi, La Rosa, Pitzalis, Lella (80’ Verde), Muroni, Biancu, Vallocchia, Ogunseye, Doratiotto (73’ Pennington). A disp.: Van der Want, Barone, Mastino, Zugaro, Dalla Bernardina, Miceli, Demarcus, Parigi. All.: Luca Raineri
ARBITRO: Mario Davide Arace (Lugo di Romagna). Assistenti: Giuseppe Trischitta (Messina) e Santino Spina (Palermo)
AMMONITI: 64’ Ugge (G), 68’ Lella
NOTE: Giornata piovosa, campo di gioco ai limiti della praticabilità

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA