L'Olbia Calcio in visita al Mater Olbia

OLBIA. Il Mater Olbia, eccellenza ospedaliera a livello europeo, cresce velocemente tra un dinamico presente e un avveniristico futuro nel quale si va a delineare, con l'Olbia Calcio, l'istituzione di una sinergia territoriale ormai prossima all'accensione.  Questa mattina la Società ha fatto visita all'Ospedale Mater Olbia con una delegazione della squadra, dello staff e della dirigenza, accolta per l'occasione dal Direttore Generale della struttura Alessandra Falsetti e dal Direttore Operativo Marco Salvagno.

La comitiva è stata quindi guidata tra le sale e gli ambulatori del modernissimo reparto di radiologia dal primario Pierluigi Rinaldi, che ha mostrato e descritto i macchinari e gli ultimi ritrovati medico-tecnologici di cui la struttura è dotata per quanto riguarda la strumentazione radiodiagnostica. Al termine della visita, spazio a un brindisi organizzato in sala conferenze dopo il quale Falsetti, Salvagno e il presidente Marino hanno risposto alle domande dei giornalisti presenti.
"Questa visita - ha spiegato Salvagno - rappresenta un primo step di un progetto comune più vasto tra due realtà che rappresentano e portano orgogliosamente la città nel proprio nome. Il settore sportivo è un ambito in cui diventa fondamentale poter accedere a prestazioni e visite ad alto contenuto tecnologiche e il Mater, in questo, è un'avanguardia assoluta".


"Siamo contenti che Olbia si stia strutturando per diventare un polo di ricerca a livello internazionale  ha affermato Marino, precisando poi come "nel calcio lo sviluppo delle discipline mediche è fondamentale così come il lavoro sulle frontiere tecnologiche. L'auspicio è che i rapporti tra Olbia Calcio e Mater Olbia possano tradursi presto in una partnership per far crescere insieme due realtà importanti del territorio".
"Il riscontro di questi primi mesi - ha raccontato Falsetti - è stato molto buono e solo a novembre l'ospedale ha erogato 550 prestazioni, un terzo delle quali relative al reparto di radiologia. La risposta del territorio è stata ottima. Siamo partiti con 65 posti letto, oggi siamo arrivati a 80 e contiamo di aumentare ulteriormente quando l'ospedale entrerà a pieno regime".

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS