Confermato il capitano Mele alla guida della compagnia barracellare di Arzachena

OLBIA. La Compagnia Barracellare di Arzachena sarà capitanata da Albertino Mele anche per i prossimi 3 anni. Le votazioni dei 27 componenti della squadra si sono svolte sabato 13 febbraio. Approvato anche il report delle attività e il bilancio dei contributi comunali e regionali con cui viene finanziata l’attività e rimborsate le spese dei componenti per un totale di circa 30 mila euro.

“Un valore aggiunto per la comunità di Arzachena che viene servita dalla squadra in numerosi ambiti sin dal 2008: dalla lotta agli incendi; al recupero e salvataggio di animali selvatici; alla vigilanza sugli immobili comunali; ai pattugliamenti diurni e notturni nel centro, nell’agro e lungo le coste; alla tutela dell’ambiente; sino al gravoso impegno degli ultimi 12 mesi in relazione all’emergenza Covid-19 - spiega Alessandro Careddu, delegato alla Protezione civile e Demanio -. Con oltre 11.570 ore di servizio prestate nell’anno accanto a Forze dell’ordine e protezione civile, i barracelli rivestono un ruolo fondamentale per un territorio vasto e complesso come quello di Arzachena, in cui le emergenze da gestire sono numerose d’estate come d’inverno”.
Tutti i componenti della Compagnia hanno ricevuto la qualifica di agenti di pubblica sicurezza dal Prefetto, sono quindi autorizzati a elevare sanzioni.  
Interventi su discariche abusive o perlustrazioni durante le allerte per rischio idrogeologico sono tra le attività che richiedono il maggiore impegno. Durante l’emergenza Covid-19, la compagnia si è occupata della consegna di medicinali e generi alimentari ai positivi in quarantena ed eseguito controlli relativi al divieto di assembramento. La squadra è l’unica ad operare regolarmente anche sino alle 2 del mattino.

Per diventare barracello si può presentare la candidatura alla sede della Compagnia in viale Costa Smeralda N. 117. Per informazioni chiamare il numero  3472898527 o scrivere all’indirizzo email
barracelli.arzachena@tiscali.it
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione