Cambio al vertice della capitaneria di porto di Golfo Aranci

OLBIA. Si è tenuta ieri mattina presso la cornice portuale di Golfo Aranci il passaggio di consegne tra il tenente di vascello (CP) Francesco D'Esposito, Comandante cedente ed il nuovo Comandante tenente di vascello (CP) Giorgio Palmerini. La cerimonia si è svolta alla presenza del Direttore Marittimo del nord Sardegna, C.V. (CP) Giovanni Canu, ed ha visto la partecipazione delle principali Autorità religiose, civili, militari del comprensorio. Il Comandante D'Esposito lascia il comando dopo due anni di intensa attività presso l'Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, una esperienza che lo ha segnato profondamente, umanamente e professionalmente e proseguirà la propria carriera presso la Capitaneria di porto di Gaeta.
Durante il discorso il Comandante D'Esposito ha voluto ringraziare in modo particolare il proprio personale, le autorità locali e tutta la cittadinanza per l'ottima collaborazione e le tante attività svolte insieme. Un comando segnato da diverse problematiche, anche legate al COVID-19, ma che con grande sinergia col l'equipaggio, sono state sempre superate, assicurando sempre tutti i servizi richiesti dall'utenza.
«Un particolare ringraziamento - ha dichiarato D'Esposito - al Direttore Marittimo, per la sua continua presenza, per il suo indirizzo e supporto. Una riconoscenza particolare alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania che non ha mai fatto mancare il necessario sostegno e guida nelle diverse attività svolte.Un ringraziamento ai signori Sindaci dei comuni di Golfo Aranci, Olbia ed Arzachena, per quanto fatto insieme e per come gli stessi hanno accolto sin dal primo giorno il Comandante stesso».
Considerato l'estrazione del Comandante uscente, ufficiale, specializzato in sicurezza della navigazione e security portuale, grazie anche alla piena sinergia con l'Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna e con R.F.I., si sono avute nel biennio appena trascorso, innovazioni in materia di safety e security, un netto cambiamento migliorativo, della infrastruttura, degli impianti e della viabilità circostante: nella parte dedicata alle navi traghetto, nella parte del diporto ed in particolare, nella parte riservata all'ormeggio dei pescherecci. Come ribadito dal T.V. D'Espotito, il porto deve essere il fiore all'occhiello, motivo di orgoglio e di attenzione da parte di un Comandante. A tal proposito, sono stati rivolti espressi ringraziamenti al Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna, a tutto il suo staff ed ai rappresentanti sul territorio di R.F.I.
Concludendo, il Comandante uscente ha voluto sintetizzare il suo pensiero, nel discorso di saluto con un  passo di Seneca, estratto dalle lettere a Lucilio : «Facciamo in modo che la nostra vita, come ogni oggetto prezioso, valga più per il suo peso che per il suo volume. Misuriamola, non secondo la sua durata, ma secondo le opere che realizziamo».
Subentra al Comandante D'Esposito il Comandante Palmerini. Nato a Roma il 23 ottobre 1990, ha
conseguito la maturità scientifica presso il liceo scientifico “Antonio Pacinotti” di La Spezia e successivamente ha frequentato l'Accademia Navale di Livorno dal 2009 al 2014 - Corso SIRIUS -  conseguendo a pieni voti la laurea Magistrale in Scienze del Governo e dell'Amministrazione del Mare. Dopo il periodo accademico, dal 2014 al 2015, è stato impiegato come Sottordine alla classe del XIV Corso AUFP e XIII corso AUPC e, dal 2015 al 2020, ha prestato servizio presso la Direzione Marittima di Civitavecchia, ricoprendo l'incarico di Addetto all'Ufficio Relazione Esterne, Addetto alla Sezione Tecnica e Capo Sezione Operativa e Centro Controllo Area Pesca.
Durante tale periodo, è stato altresì impiegato come National Expert per conto del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto in diverse missioni internazionali, in particolare presso l'Agenzia Europea di Controllo delle Attività di Pesca (European Fisheries Control Agency) sita a Vigo, in Spagna.
Da settembre 2020 ad oggi, ha prestato servizio presso Capitanaria di porto di La Spezia, ricoprendo l'incarico di Capo Sezione Demanio e Contenzioso.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica