Pro Patria-Olbia domani alle 14.30, Filippi: "Ripetiamo la prestazione dell'andata"

OLBIA. Si torna a fare sul serio. Antivigilia del ritorno in campo per i bianchi, che al Geovillage proseguono la preparazione alla trasferta di Busto Arsizio dove domenica, alle ore 14.30, scenderanno in campo per sfidare la Pro Patria.  Una partita tutt'altro che semplice, come sottolinea il mister dei bianchi Michele Filippi nel corso della conferenza stampa di presentazione al match: "Ci attende una partita molto dura e dispendiosa sotto il profilo mentale. Il nostro obiettivo deve essere quello di ripetere la prestazione dell'andata, quando riuscimmo a rimontare un avversario diverso da noi in tanti aspetti, ma a noi simile nella ricerca di una precisa identità in campo. Andremo a dare battaglia per noi stessi e per la maglia che indossiamo, vorrei vedere una squadra che va a caccia di emozioni e che sappia esaltarsi".

L'Olbia sta preparando al meglio il ritorno in campo: "Non vediamo l'ora di ricominciare un'avventura che sembra non essersi mai interrotta. Le sensazioni sono molto positive, vedo una squadra che ha fiducia e ottimismo, volenterosa di rimettersi in carreggiata e recuperare la media punti e la continuità di rendimento che aveva all'inizio della stagione. Ho ritrovato un gruppo di giocatori se possibile ancora più disponibile e forse ora noto un clima più positivo attorno alla squadra".

Con qualche defezione (Senesi e Caligara), ma carichi e battaglieri i bianchi cercano dunque il colpaccio contro i bustocchi per iniziare al meglio il 2019: "Non abbiamo ancora recuperato tutti gli effettivi, ma non ho dubbi che l'undici che scenderà in campo darà ampie garanzie. Cosa cambierà rispetto a prima? È importante anzitutto che la squadra venga plasmata nel rispetto della propria identità e in funzione delle esigenze del momento. Il tecnico deve assecondare sempre il modo di essere della squadra. Domenica sarà importante non sbagliare l'interpretazione della gara".
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA