Golfo AranciGolfo Aranci

Turista dispersa a Golfo Aranci, ritrovata grazie all'elicottero dei carabinieri

OLBIA. Nella tarda mattinata di ieri sono state avviate le ricerche di una turista originaria dei Paesi Bassi, che si era allontanata qualche ora prima dall'appartamento di un residence del golfo di Marinella, nel comune di Golfo Aranci. I familiari, preoccupati dallo stato di salute della donna, una 67enne, si sono subito rivolti ai Carabinieri di Golfo Aranci che hanno raccolto le indicazioni dei familiari e stilato la scheda delle ricerche, richiedendo l'attivazione alla Prefettura di Sassari - tramite il Reparto Territoriale di Olbia, a cui è stato poi affidato il coordinamento - del  relativo piano provinciale.

Il Reparto Territoriale ha pertanto richiesto il supporto di una unità cinofila per la ricerca di persone e di squadre dei VVF di Olbia e Sassari, prontamente intervenute, di una unità navale costiera della Capitaneria di Porto di Olbia e di un elicottero dell'Arma, decollato dal 10° Nucleo Elicotteri di Venafiorita, cui si è presto affiancato un secondo elicottero dei Vigili del Fuoco decollato da Alghero.
Proprio le unità aeree hanno richiamato l'attenzione degli abitanti del posto che, avvedutisi di una persona errante nella macchia mediterranea,  ne hanno segnalato poi la presenza all'interno di un'area privata, in via Marinella a poca distanza dalla località del soggiorno.

I Carabinieri hanno quindi raggiunto e rintracciato la signora che, in leggero stato confusionale, è comunque parsa in buone condizioni generali di salute. La donna è stata dunque accompagnata in residence dai familiari (il marito, la figlia e il fidanzato di quest'ultima) con cui si trova in vacanza, tutti ancora in ansiosa attesa e che commossi hanno potuto riabbracciare la loro cara.
Molto tempestiva ed efficace si sono rilevate l'attivazione e il coordinamento delle ricerche, giunte questa volta a buon fine anticipando l'imminente sopraggiungere dell'oscurità.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA